COMUNICATO UFFICIALE dell’11 dicembre 2015

Per il rispetto dovuto e sempre manifestato a tutti coloro, Distributori, Farmacisti, Medici e Clienti, che in questi anni hanno collaborato, a vari livelli, con la nostra azienda, e nella tradizione di correttezza e trasparenza che ci ha sempre contraddistinto, riteniamo di dover fornire una puntualizzazione sulla grave vicenda di cui Unda, dimenticando gli accordi stipulati, si è resa autrice, avviando contro di noi una campagna denigratoria con la diffusione di messaggi contenenti notizie ed affermazioni non rispondenti al vero e gravemente calunniose.

A tutti Voi è noto che la Cemon è licenziataria esclusiva della Unda, sia per la produzione che per la commercializzazione di medicinali omeopatici, con diritto esclusivo per l’Italia di avvalersi di quel marchio.

Per strategie che non ci sono allo stato note – ma che comunque sono intuibili se si conoscono i soci che le hanno decise – la Unda ha organizzato un piano diretto a provocare l’interruzione del rapporto commerciale con Cemon, cosa che è avvenuta per esclusiva colpa di Unda.  La Unda, non paga di ciò, sta accampando dei diritti che, in base a quegli accordi, non le spettano. In conseguenza, fino a quando non interverranno delle pronunzie giudiziarie sul contenzioso già avviato, la Cemon resta l’unica legittimata a realizzare, diffondere e distribuire i prodotti a marchio CEMON UNDA e DYNAMIS, anche in virtù dell’esclusiva titolarità dell’autorizzazione all’immissione in commercio, secondo le vigenti norme farmaceutiche.

Provvederemo a diffidare la Unda dal proseguire in tali gravi atti di concorrenza sleale ed a difendere in ogni sede i nostri diritti e quelli dei consumatori, sia nei confronti di Unda che di coloro che se ne renderanno coautori e corresponsabili. 

Abbiamo constatato che in qualche farmacia sono stati illegalmente posti in vendita prodotti che recano il marchio Unda – tra l’altro confezionati senza il tubo in vetro, fabbricati presumibilmente all’estero – la cui commercializzazione in Italia costituisce grave violazione del nostro diritto di privativa. Fatto ancor più grave, alcuni di questi prodotti recano la denominazione “Cemon - Unda”, creando così grave confusione nei rivenditori e nei consumatori. Vi invitiamo perciò a diffidare di quei prodotti, dai quali Cemon prende le distanze, e ad evitarne l’acquisto, al fine di lasciare ogni responsabilità a chi li sta diffondendo.   

Ricordiamo che la CEMON è l’unico legittimo soggetto autorizzato alla immissione in commercio dei prodotti omeopatici a marchio Unda e come tale, contrariamente a quanto affermato da Unda è, ed è sempre stato, l’unico responsabile in termini di Farmacovigilanza, sul territorio italiano.

Grazie per la vostra collaborazione nel segnalarci tempestivamente ogni informazione utile a riconoscere azioni fraudolente (info@cemon.eu – numero verde 800 884051 – fax 081 3953244 ).

Cemon - Presidio Omeopatia Italiana - dal 1971 soggetto pionieristico e garante nel circuito virtuoso dell’atto medico omeopatico.

 

 Aurelio Rocco  

Amministratore Delegato

Scarica il Comunicato Ufficiale Clicca qui