Nel caso di una malattia è sempre l’uomo ad essere ammalato, non la materia. La materia in quanto tale non può ammalarsi, dato che tutta la materia è «ammalata» in sé. Nel fisico si mostrano semplicemente le orme della malattia. Se vogliamo guarire, dobbiamo sempre sperimentare una dilatazione di coscienza. Dilatazione di coscienza è però un afflusso di informazioni. Se un medicamento deve essere qualcosa che veramente porta guarigione, deve trasmettere alla persona l’informazione mancante”.

(Thorwald  Dethlefsen, Il destino come scelta).

Titolo: Gli Aracnidi in Omeopatia – Sintomi e Simboli

Autori: Fernando Piterà e Levio Cappello

Pagine: 705, interamente illustrate a colori con oltre 100 immagini

Prezzo: Euro 79,90

Data di stampa: dicembre 2013

Editore: Nuova Ipsa Editore – Palermo

Codice:ISBN  978-88-7676-541-4

Prima edizione italiana

 

Il testo, unico nel suo genere, contiene la descrizione accurata di 20 specie di Aracnidi utilizzate in omeopatia per la cura di svariate e complesse affezioni, e si si propone come un’opera sugli Aracnidi sufficientemente completa e dettagliata, sia per quanto concerne la compiutezza sintomatologica, essendo riportati in dettaglio ben 11.447 sintomi (molti dei quali  non ancora riportati nelle materie mediche e nei repertori), sia per descrizione delle specie trattate, nonchè per il ricco corredo iconografico a colori.


Gli autori ripercorrono la storia naturale degli Aracnidi nella loro più intima essenza sin dalla loro comparsa sul pianeta, ne studiano l’anatomia, la fisiologia, l’istinto, il comportamento, le abitudini di vita, la sensibilità, il modo di cacciare, di tendere imboscate o di tessere tele; li analizzano descrivendone la classificazione scientifica, l’habitat, la distribuzione, le relazioni con altri animali, l’effetto dei loro veleni sull’uomo, gli accoppiamenti, l’eros, la tanatos e la patogenesi, nonché il simbolismo e l’analogia.


Tre importanti novità contribuiscono ad arricchire ulteriormente questo testo: la prima è  l’inedito proving di Stegodyphus lineatus effettuato nel 2005 e 2006 da Marco Verdone, patogenesi sinora sconosciuta a tutti gli omeopati e qui pubblicata per la prima volta. Altre due perle sono le pubblicazioni dei nuovi proving dello scorpione Androctonus amoreuxii hebraeus condotto da Jeremy Sherr e quello del ragno Loxosceles reclusa effettuato da Louis Klein e mai tradotti in lingua italiana.


In quest’opera, la complementarietà e sinergia di competenze degli scriventi ha lo scopo di far comprendere al meglio, in una diversa e maggiore completezza, la patogenesi dei veleni di questi singolari animali. Il libro, infine, è corredato da una vasta bibliografia tematica che contiene 625 riferimenti bibliografici ordinati per argomenti (biologia, storia naturale, omeopatia, tossicologia, simbolismo, mitologia, ecc.).