Dottor Francesco Siccardi

Si sa che iniziare la dieta o parlare di restrizioni alimentari o di igiene di vita diversi proprio a Natale... beh quantomeno non è facile.


Cerchiamo però di prepararci bene alle feste già nei giorni che precedono e ancor meglio in quelli che seguono.

 

 

Ad esempio:

Prima delle feste:
- iniziare la giornata con un bel bicchiere di acqua tiepida con 2 limoni spremuti dentro
- alimentarsi per 2 giorni essenzialmente con frutta e verdura (meglio se crudi) e bere tisane di tiglio e melissa che "rilassano" i morsi della fame
- fare 3 pasti principali e 2 spuntini durante il giorno
- camminare per almeno 50 minuti di buon passo
- mangiare lentamente e con calma assaporando il cibo (masticare dalle 50 alle 100 volte il boccone per facilitare la digestione)

 

I giorni di festa:
- iniziare il pasto con antipasti a base di verdura (per contribuire al riempimento dello stomaco)
- gustarsi il buon cibo natalizio con animo sereno, senza recriminare
- non eccedere con i dolci e con gli alcolici (l'alcol diventa tutto zucchero)
- lasciare un po' di tempo per una bella passeggiata
- se il pasto è abbondante mangiare solo 1 volta al giorno e fare spuntini con frutta fresca

Dopo le feste:

 


- iniziare un programma dietetico con 2 giorni di frutta e verdura, cruda o cotta e bere acqua
(frutta e verdura alcalinizzano l'organismo dopo l'acidosi creata dagli zuccheri e dalle carni dei banchetti festivi)
- dedicarsi un'ora al giorno per la palestra o una bella camminata (per rilassare la mente dalla tensione quotidiana)
- continuare l'alimentazione corretta con:
mattino: abbondante macedonia di frutta condita con 1 succo di limone o di pomplemo
ore 11,00: 2 frutti a scelta
pranzo: insalatona di verdure di ogni tipo a scelta e a piacere con pesce condito con olio extra-vergine di oliva
pasta (60 grammi 2 volte alla settimana)
ore 17:frutta fresca o cotta o secca
cena: minestrone o verdura cotta con formaggi di capra o pecora freschi, 1 frutto

- 1 giorno alla settimana alimentazione libera

Poche regole ma efficaci e soprattutto volte a ripristinare lo stato di salute, riequilibrando valori glicemie e pressori.

Ma se nonostante tutto, non riuscite a resistere e incappate in qualche abbuffata, il consiglio verte su 4 rimedi:

- NUX VOMICA 6ch: rimedio dell'"ingordigia". Lingua sporca (spesso nella metà posteriore), alito pesante, bocca impastata,
aerofagia gastrica e intestinale, intestino in disordine, a volte emorroidi, cefalea da eccesso alimentare
e da intossicazione alcolica e da caffè, sonnolenza postprandiale, irritabilità, nervosismo, alterazioni del riposo con sonno non ristoratore.
Nux vomica può essere assunto già prima del pranzo per tonificare l'apparato digerente al "superlavoro".


- ANTIMONIUM CRUDUM 6ch: lingua bianca come il latte, eruttazioni col sapore del cibo o molto acide, nausea, vomito, dolori peri-ombelicali diarrea, cattivo umore, non sopporta di essere guardato e toccato.


- PULSATILLA 6ch: rimedio per l'indigestioni di dolci e di dolci "grassi" con panna, crema e burro. Bocca impastata, lingua bianca assenza di sete, indisposizione gastrica con umore lamentoso e sempre alla ricerca di coccole e comprensione.


- ARSENICUM ALBUM 6ch: dopo un'intossicazione da cibi avariati, diarrea di odore putrido, il paziente non sopporta la vista e l'odore dei cibi, dolori gastrici brucianti alleviati da bevande calde

I rimedi vanno assunti in ragione di 3 granuli ogni 2 ore, sotto la lingua e lontano dai pasti (mezz'ora prima e due ore dopo)