GOLAMIX SPRAY: tutta la dolcezza della natura per il benessere della gola

GOLAMIX SPRAY: tutta la dolcezza della natura per il benessere della gola

GOLAMIX SPRAY: tutta la dolcezza della natura per il benessere della gola

Dr.ssa D’Angelo Maria Desiderata

Vento, freddo, pioggia; l’autunno cede il passo all’ inverno, le temperature si abbassano ed a farne le spese spesso è la nostra gola che si infiamma, si arrossa e diventa dolente. Come possiamo intervenire ai primi sintomi calmando il fastidio ed allo stesso tempo evitando l’utilizzo di prodotto troppo invasivi e con effetti collaterali ?

Per proteggere e lenire le vie aeree superiori, oltre che una bella sciarpa di lana, possiamo ricorrere alla forza della natura !

Il GOLAMIX, spray alla propoli, contente anche estratto di semi di pompelmo e miele, il tutto in una formulazione adatta ai bambini e perfino ai nostri amici a 4 zampe, perché PRIVA DI ALCOL!

Spesso infatti evitiamo di utilizzare spray alla propoli per la componente alcolica che è poco gradita da tanti adulti affetti da bruciore alla gola e sicuramente sconsigliata per i più piccoli.

GOLAMIX spary ne è invece completamente privo ed il suo sapore è quello del miele, dolce e dalle proprietà lenitive.

Ma vediamo più nello specifico quali sono le caratteristiche delle sostanze funzionali che compongono la formula:

La propoli, sostanza prodotta dalle api, è composta da secrezioni resinose che le api raccolgono sugli alberi e che utilizzano nei loro alveari come antisettico. La propoli viene infatti applicata per disinfettare l’alveare e per evitare la decomposizione di eventuali insetti intrusi riusciti a penetrarvi; L’utilizzo della propoli risale a tempi antichissimi, circa 6000 anni fa. Gia gli antichi egizi la usavano per la mummificazione dei faraoni, ed i medici per trattare le infezioni della pelle, dell’apparato respiratorio e come cicatrizzante e disinfettante delle ferite. La propoli contiene resine, balsami e cere, sostanze volatili, ovvero oli essenziali, ed infine materiali organici come i flavonoidi, i pollini, minerali e vitamine. I flavonoidi sono le sostanze che rendono la propoli antimicrobica. Questa, definita “antibiotico naturale”, se assunta a particolari dosaggi ha attività antibatterica, sia batteriostatica che battericida: impedisce infatti sia la moltiplicazione dei germi e riesce ad eliminarli ; questo effetto antibatterico è confermato da numerose ricerche scientifiche che hanno visto come i principi attivi in essa contenuti siano in grado di inibire lo sviluppo di diversi tipi di batteri tra cui l’Escherichia coli, il Proteus vulgaris, il Mycocteriumtubercolosis, il Bacillus alvei, il Bacilluslarvae, il Bacillussubtilis e alcuni tipi di salmonelle.

Oltre all’effetto antibatterico la propoli svolge anche una valida azione antivirale inibendo la crescita e la moltiplicazione di diversi ceppi virali.

Inoltre la propoli ha anche un’azione antimicotica, agendo su molti funghi che interessano lo strato superficiale della pelle ed in particolare sulla Candida albicans.

Il suo utilizzo principale è contro le affezioni delle vie respiratorie (faringiti, tracheiti e tonsilliti) e del cavo orale (gengiviti, infiammazioni della lingua e del palato).

I semi di pompelmo sono invece ricchi di un estratto particolarmente benefico per le sue qualità di antiossidanti che grazie ai bioflavonoidi contenuti vanta un’azione antinfiammatoria e antiallergica. L’estratto di semi di pompelmo viene considerato un potente antivirale e battericida.

I bioflavonoidi estratti dai semi di pompelmo agiscono infatti su una vasta gamma di microrganismi nocivi, come batteri, funghi, virus, lieviti, muffe, e anche parassiti come i pidocchi, oltre a protozoi quale l’ameba.

Il meccanismo d’azione dell’estratto di pompelmo si ha a livello della membrana cellulare microbica che viene modificata portando a morte i germi per il mancato apporto nutritivo.

L’estratto di semi di pompelmo contiene esperidina dalle note proprietà immunomodulanti, vitamina C, steroli e tracce di sali minerali. Ha inoltre azione antimicotica e può essere utile per contrastare lo sviluppo di funghi, muffe e lieviti, La presenza nell’estratto di Pompelmo di vitamine A, C, E, selenio e zinco, ne fa anche un efficace antiossidante contro i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. L’estratto sembra, inoltre, essere efficace verso l’Herpes simplex e i virus influenzali, tanto che quando si manifesta l’influenza, o anche il semplice raffreddore, ne abbrevia il decorso, poiché l’azione del suo estratto stimola le difese immunitarie, evitando spesso le complicanze.

Il miele infine, anch’esso donatoci dal instancabile lavoro delle api, ha proprietà calmanti e lenitive note fin dall’antichità. Contiene enzimi, vitamine, oligoelementi, minerali, sostanze antimicrobiche, il tutto che esercita azione antinfiammatoria locale; è noto per la sua azione decongestionante a carico delle prime vie respiratorie e come lenitivo della tosse.

GOLAMIX spray rappresenta quindi l’arma vincente che la natura mette a nostra disposizione per combattere e prevenire il mal di gola, per disinfettare il cavo orale e per aiutare il nostro sistema immunitario ad affrontare le intemperie invernali, il tutto con la dolcezza del miele e senza lo sgradevole sapore dell’alcool.

HELILUMA SCIROPPO: LA SOLUZIONE NATURALMENTE RAPIDA PER ALLEVIARE I SINTOMI DELLA TOSSE

HELILUMA SCIROPPO: LA SOLUZIONE NATURALMENTE RAPIDA PER ALLEVIARE I SINTOMI DELLA TOSSE

HELILUMA SCIROPPO: LA SOLUZIONE NATURALMENTE RAPIDA PER ALLEVIARE I SINTOMI DELLA TOSSE

Dr.ssa Maria Desiderata D’Angelo, Medico Veterinario Omeopatico.

La tracheobronchite infettiva del cane, conosciuta più comunemente come tosse dei canili è una malattia infettiva contagiosa che si trasmette con grande facilità per contatto diretto. Le cause sono multifattoriali ed imputabili sia a virus quali adenovirus canini (CAV 1 e CAV 2), virus della parainfluenza, reovirus canino, herpesvirus canino e coronavirus respiratorio canino, sia a batteri come la Bordetella bronchiseptica.

Gli agenti eziologici virali e batterici vengono trasmessi da cane malato a cane sano attraverso le goccioline di aereosol che si generano con tosse e starnuti, un po’ come nell’influenza e nelle malattie contagiose respiratorie umane. Quando c’è una concentrazione numerica ingente di cani, come ad esempio nei canili o alle mostre cinofile o anche nei centri cinofili sportivi, l’infezione si diffonde rapidamente e colpisce moltissimi soggetti contemporaneamente; gli agenti infettivi danneggiano e irritano il rivestimento della trachea e delle vie respiratorie superiori, causando la tosse.

La sintomatologia è caratterizzata da una tosse insistente, stizzosa e caratteristica con rumore simile al verso di una foca, di intensità e durata variabili, a seconda del soggetto. La tosse è profonda e molto forte e questo può provocare conati di vomito, starnuti, etc. La tosse può essere evocata massaggiando la trachea e spesso insorge dopo attività fisica o agitazione. Spesso vi è concomitanza di febbre e scolo oculocongiuntivale. Raramente la malattia progredisce fino a diventare bronchite o polmonite.

 

Oltre all’ isolamento degli animali infetti il trattamento mira ad alleviare i sintomi della tosse in quanto, essendo l’eziologia spesso di sola origine virale e l’infezione autolimitante, la prognosi è fausta e la patologia va in contro a risoluzione spontanea, grazie all’azione del sistema immunitario del cane che è in grado di combatte efficacemente l’infezione; sono infatti rari i casi nei quali c’è bisogno di ricorrere ad una terapia più mirata.

Tuttavia, a causa del disagio provato dagli animali affetti, è necessario alleviare il sintomo tosse che può anche complicarsi con accessi e conati di vomito, anoressia e debolezza.

Come sempre dalla Natura ci arrivano tante risposte a tanti piccoli problemi di salute quotidiani.

E’ questo il caso di uno speciale sciroppo per la tosse formulato a partire da un estratto di lumaca, ovvero a partire da quella sostanza vischiosa che questi gasteropodi produco e della quale si ricoprono per proteggere il loro delicatissimo corpo quando ad esempio si spostano su superfici piene di asperità che potrebbero ferirli. E’ dai tempi dell’antichità che si ricorre a questa sostanza per proteggere le alte vie respiratorie e lenire l’irritazione di trachea a gli accessi di tosse.

 

Già in documenti medici rinvenuti dell’epoca dell’antica Roma si ritrova traccia dell’utilizzo di questa preziosa sostanza come lenitivo della tosse e nell’antica Grecia i curatori erano soliti utilizzarla per aumentare l’espettorazione nelle bronchiti. Negli anni ‘50 poi un gruppo di ricercatori effettuò una revisione sistematica della preparazione, della composizione e delle proprietà terapeutiche e farmacodinamiche dell’estratto di lumaca sulla base delle ricerche cliniche dell’epoca che ne avevano evidenziato le virtù calmanti per la tosse, la pertosse e la bronchite cronica.

I costituenti principali dell’estratto di lumaca sono rappresentati da vitamine quali A, C, E, l’acido glicolico, il collagene, l’allantoina, l’elastina e una sostanza con potere antibiotico naturale e disinfettante. Le formulazioni a base di estratto di lumaca sono indicate anche per bambini molto piccoli ed hanno un gusto gradevole. Ad esempio l’HELILUMA SCIROPPO ha un gusto di lampone molto gradito sia ai cani che ai bambini ed è quindi di semplice somministrazione.

L’estratto di lumaca in esso contenuto funziona egregiamente da fluidificante naturale; è ricco di enzimi in grado di modificare le secrezioni bronchiali rendendo il muco più fluido e di facile espulsione dai bronchi. HELILUMA SCIROPPO viene utilizzato come coadiuvante per lenire i sintomi dei processi irritativi delle vie respiratorie superiori, dei bronchi, nella pertosse, nella tosse associata a stati influenzali e parainfluenzali, e nelle bronchiti acute e croniche. Inoltre, grazie ai costituenti dell’estratto di lumaca, si osserva anche un ripristino dell’integrità della mucosa tracheale e bronchiale spesso lesionate dall’azione degli agenti patogeni, oltre che una rapida restitutio ad integrum delle aree infiammata.

Sono sufficienti poche somministrazioni per avere un rapido miglioramento della sintomatologia ed un rapido sollievo del soggetto colpito, il tutto senza effetti tossici e collaterali a volte concomitanti a terapie chimiche più impattanti sulla persona o sull’animale.

E….STATE IN SALUTE!

E….STATE IN SALUTE!

QUALCHE CONSIGLIO SUI RIMEDI DA PORTARE CON SE IN VALIGIA – DR.SSA MARIA DESIDERATA D’ANGELO

Come ogni anno l’estate col suo caldo e la sua prorompente atmosfera ha invaso i nostri cuori, le nostre strade ed i nostri pensieri. In molti si godono già da qualche giorno le agognate ferie, mentre altri ancora le immaginano solamente, ma sono già mentalmente impegnati a preparare le valigie per salpare, volare o semplicemente camminare verso le mete preferite.

La valigia……..appunto, ma cosa conviene portare con noi per non incorrere nella difficoltà di non trovare i rimedi naturali che usiamo di solito per risolvere i piccoli disagi estivi ?

Ecco la proposta di un breve elenco, una sorta di piccola “lista della spesa” da valutare e utilizzare come spunto per il nostro piccolo armadietto di pronto soccorso estivo!

La cute è la grande protagonista di questa stagione in quanto continuamente esposta a tutti i possibili insulti: dall’acqua salata del mare o clorata della piscina, al sole cocente di mare o montagna, dalle grandi sudate per l’afa o per gli sport che si praticano nel tempo libero; al contatto con piante ed insetti!

Per la nostra ” povera” cute c’è davvero bisogno di qualche cura in più, e quindi cosa possiamo portare in valigia di utile?

Sicuramente una pomata alla calendula, o ancor meglio una che contenga tinture madri di calendula ed iperico, adattissima a scottature e morsi d’ insetto, che può risolvere anche piccole ferite ed escoriazioni. L’iperico e la calendula possiamo portarli con noi anche in forma di rimedio omeopatico alla 30CH o alla 6 CH ed utilizzarli per via orale nei casi un po’ più severi.

Localmente possiamo utilizzare sia come preventivo che come curativo, pre e dopo puntura, ma anche solo dopo l’esposizione al sole, l’ EAU DE PHILAE

Meravigliosa colonia alle piante fresche, dotata di innumerevoli proprietà che la rendono un fantastico repellente per gli insetti ed allo stesso tempo un curativo per: morsi, piccole ferite e lievi scottature da sole.

Dopo la cute pensiamo all’intestino, anche lui soggetto a cambiamenti notevoli; dal clima più estremo, alla dieta che diventa più sregolata a causa delle tentazioni nelle quali è più facile incorrere.

Come fare quindi per preservare la sua preziosa funzionalità?

Sicuramente cercando di alternare ragionevoli occasioni di “sgarro” ad un’alimentazione sana e basata sul consumo di cibi freschi, ma anche aiutandosi con l’assunzione regolare di probiotici come il Preflora fos ed altri ad alto contenuto di fermenti come il Microflor 32.

L’assunzione simbiotica dei due prodotti garantisce il substrato giusto ed assicura il quantitativo sufficiente di fermenti lattici per un regolare funzionamento intestinale.

Per lo stomaco invece, in caso di alimentazione sregolata associata anche a qualche aperitivo alcolico di troppo, una dose di Nux Vomica può aiutare a disintossicarci e riportare uno stato di leggerezza!

E per gli imprevisti?

Può capitare infatti un colpo di freddo o umidità, dopo lunghi bagni, restando al vento con i capelli bagnati o per uno sbalzo di temperatura, in questi casi non facciamoci rovinare le ferie da qualche decimo di febbre, “stoppiamo” i sintomi sul nascere; portiamo sempre con noi:

Aconitum, Belladonna e Bryonia alla 30CH ed alla 6CH; da utilizzare previo consiglio del nostro medico omeopata di fiducia.

Per piccoli traumi e cadute, o lievi contusioni, mai dimenticare l’Arnica alla 30 CH ed alla 200 K da assumere immediatamente dopo l’evento traumatico.

Come antinfiammatorio generale, Ribes Nero FEE, un fitoembrioestratto a base di ribes nero ricavato dalla gemma gettante della pianta macerata in bioalcool, glicerolo ed acqua.

Questo tipo di macerazione permette di estrarre sostanze funzionali, che hanno un’azione simile al cortisone, ma senza gli effetti collaterali di quest’ultimo.

Il Ribes nero FEE ha davvero innumerevoli utilizzi come antinfiammatorio aspecifico e quindi per qualsiasi forma di infiammazione come: mal di gola, laringiti e lievi bronchiti, mal di schiena, infiammazioni cutanee, otiti e chi più ne ha più ne metta! E quindi anche il Riber nero FEE è consigliato nell’elenco degli “indispensabili”!

E adesso basta con i consigli per i disagi e via alle ferie……….. che siano serene e senza intoppi!

Buone vacanze in armonia con la natura!

PERCHÉ IO ERO IO, PERCHÉ LUI ERA LUI – DOTTOR FRANCESCO EUGENIO NEGRO

PERCHÉ IO ERO IO, PERCHÉ LUI ERA LUI – DOTTOR FRANCESCO EUGENIO NEGRO

Il terzo libretto pubblicato in pochi mesi da Francesco Eugenio Negro si può definire fecondo e facondo. Fecondo perché genera nel lettore produzione di pensiero, di sentimenti positivi. Facondo perché ragionamenti molto complessi e profondi sono resi dal linguaggio utilizzato, semplici e di immediata sintesi.

Il rapporto medico-paziente, tema guida dello scritto, è affrontato sotto molteplici punti di vista, così come è sottolineato e dimostrato che la disaffezione dei cittadini per la classe medica è dovuta dall’aver perso quest’ultima la dimensione del medico confidente, che compartisce con l’ammalato la sua sofferenza, che lo accarezza. Ma non è un richiamo a un buonismo romantico-filosofico, bensì il tornare a riflettere sulle categorie che devono informare la professione. Utilizzare la tecnologia, non diventarne schiavi. Il libretto si legge in pochi minuti, ma lascia, come un buon vino d’annata, una lunga persistenza di ideali che anche oggi possono essere vissuti in quel meraviglioso lavoro che è prendersi cura dei fratelli che soffrono e riportarli alla salute. In ogni parola traspare l’amore incondizionato per l’Omeopatia, capace di contenere tecnica e filosofia, scienza e intuizione, per fondersi nella sensibilità clinica che fanno del Medico quel meraviglioso punto di incontro tra arte e technè, uomo tra gli uomini, a servizio degli uomini.

Francesco E. Negro pratica con entusiasmo e passione la professione di medico omeopata in diverse città italiane e specialmente a Roma, dove dirige il bellissimo Museo dell’Omeopatia di Piazza Navona, inaugurato nel 2013 e curato in collaborazione con il fratello Paolo, attraverso la Fondazione Negro, dedicata al padre, Antonio, decano per oltre dieci lustri degli omeopati italiani.

L’autore ha deciso di rendere pubblico e gratuito questo piccolo e prezioso libretto e noi ci onoriamo nel diffonderlo tra coloro che desiderano leggerlo.

Clicca qui per scaricarlo e sentiti libero di diffonderlo.

INTERVISTA “OMEOPATIA EQUILIBRIO TRA SAPIENZA E RISPETTO”

INTERVISTA “OMEOPATIA EQUILIBRIO TRA SAPIENZA E RISPETTO”

Carmela Cammisa di  Farmacia News intervista l’Amministratore Delegato della Cemon Aurelio Rocco

Omeopatia equilibrio tra sapienza e rispetto

Grazie a un sapere sperimentale ed etico Cemon – Presidio Omeopatia Italiana, si impegna a sostenere la rete della vita, provando a restituire una condizione di salute a ogni persona nel rispetto della natura – Leggi l’intervista Clicca Qui

Clicca Qui per leggere l’intervista  ad Aurelio Rocco – Amministratore Delegato Ce.M.O.N.

Newsletter

Dichiara di aver letto la Privacy Policy

Pin It on Pinterest